Retina

La retina è il tessuto nervoso sensibile alla luce che riveste la parte posteriore dell’occhio. Qui, i raggi luminosi sono trasformati in impulsi elettrici che arrivano al cervello dove vengono analizzati, interpretati e riconosciuti come le immagini che vediamo.

Cosa è la retina?

Laretina è una sottile membrana che riveste la parete interna dell’occhio. In particolare, la retina è la più interna delle tre “vesti” che costituiscono la parete del bulbo oculare. La retina è una membrana fotosensibile congiunta sullo stelo del nervo ottico nella parte posteriore e sul margine pupillare dell’iride nella parte anteriore.

Quale funzione svolge la retina?

La retina è incaricata di captare gli stimoli luminosi provenienti dall’esterno e di trasformarliin segnali nervosi che invia alle strutture cerebrali deputate all’interpretazione visiva. Questo passaggio avviene attraverso il nervo ottico.

Come è strutturata la retina?

La retina contiene dei fotoricettori, ossia delle cellule sensibili alla luce. I fotoricettori sono di due tipi: i bastoncelli (nell’area periferica), permettono la visione in condizione di poca luce, i coni (nell’area centrale), grazie ai quali è possibile la visione dei colori, si attivano in presenza di luce intensa. Nella retina sono presenti anche le cellule orizzontali, bipolari, amacrine e ganglionari che concorrono a effettuare unaprima elaborazione del segnale visivo. La retina svolge poi il delicato compito di captare le onde luminose e di inviarle al cervello tramite il nervo ottico dopo averle trasformate in segnali bioelettrici. Strutturalmente, la retina èformata da due membrane sovrapposte di cui una esterna a contatto con lacoroidedetta epitelio pigmentato e l’altra internadetta retina sensoriale in contatto con il corpo vitreo. L’epitelio pigmentato ha una struttura priva di cellule nervose e, di conseguenza, insensibile alle onde luminose.La retina sensorialerappresenta invece la parte ottica: è la partepiù estesa, costituita da un sistema di nove strati sovrapposti di neuroni.

Retina e disco ottico

Il disco ottico è il punto di convergenzadelle fibre nervose che prendono origine nella retina e che vanno a costituire il nervo ottico. Il disco ottico è privo di recettori, quindi è insensibile alla luce.

Retina, macula e fovea

La macula è una piccola area localizzata nella parte posteriore della retina, lateralmente rispetto al polo posteriore del bulbo. La macula è importantissima poiché è l’area retinica con la più alta presenza di coni, grazie alla quale si riescono a visualizzare i dettagli più piccoli e le sfumature di colore. All’interno della macula risiede la fovea, la zona di assoluta definizione visiva.

La retina può ammalarsi?

La retina può essere colpita da malattie di varia entità. Le patologie possono essere caratteristiche dell’apparato visivo, ma anche malattie vascolari o degenerative, quali l’ipertensione arteriosa, il diabete o la sclerosi vascolare, che causano quindi la retinopatia diabetica, la retinopatia vascolare, la retinopatia ipertensiva e arteriosclerotica. Il distacco di retina, che avviene con il sollevamento parziale o totale della parte interna della retina dall’epitelio pigmentato e il retino blastoma sono altre gravi patologie che colpiscono la retina.

Come proteggere la retina?

Per proteggere la retina è consigliato indossare occhiali da sole o lenti foto selettive.

Come tenere in forma la retina?

Un modo semplice per mantenere in salute la retina è curare la propria alimentazione.I cibi non curano una patologia retinica ma possono aiutare a proteggere la membrana retinica nel tempo. Nella macula, la parte centrale della retina, vi è una elevata presenza di radicali liberi responsabili dell’invecchiamento, la cui azione può essere contrastata da vitamine, sali minerali e antiossidanti presenti negli alimenti. Con il giusto apporto di questi nutrimenti viene favorita la rigenerazione dei fotoricettori presenti nella retina.

Parla con noi!

Sapremo consigliarti la soluzione più adatta alle tue esigenze!