Speciale “ottobre mese della vista” – BENESSERE VISIVO, PREVENZIONE E CURA DELLA VISTA

Nel nostro secondo appuntamento dedicato al mese della vista riportiamo un passaggio pubblicato il 30 settembre sul sito di ANSA.it: Il 66% degli italiani che ha difetti visivi non ne è consapevole, quasi il 20% degli adulti indossa una correzione visiva non più adeguata alle proprie necessità e circa il 40% della popolazione non si reca regolarmente a fare una visita dallo specialista. È quanto emerge dai dati raccolti da Commissione difesa vista onlus in occasione del mese della vista che cade ad ottobre.

La nostra esperienza nel settore della vista fragile ci permette di aggiungere che l’attenzione per la vista e per il proprio benessere visivo inizia dai primi anni di vita e deve essere recepito come un percorso a tappe da tenere sotto controllo. È davvero importante prendersi cura della propria vista!

Abbiamo già parlato di illuminazione, di alimentazione e di buone abitudini quotidiane. Oggi sottolineiamo l’importanza di sottoporsi a controlli periodici presso il medico oculista.

Spesso ci si rivolge all’oftalmologo dopo l’insorgenza di un problema visivo, per esempio quando si nota un peggioramento nella visione da lontano o vicino, o addirittura compaiono sintomi preoccupanti come la distorsione dell’immagine o la riduzione del campo visivo centrale. Si tende quindi a rimandare il momento della diagnosi medica a quando i sintomi – di un difetto visivo come astigmatismo, miopia, presbiopia, ipermetropia, o una patologia come maculopatia, retinite pigmentosa, malattia di Stargardt, glaucoma o retinopatia diabetica, ecc. – sono già manifesti. Questo però non fa altro che tardare l’adozione della giusta correzione oftalmica, del percorso farmaceutico, o della soluzione ottica per un eventuale patologia che potrebbe causare ipovisione o vista fragile.

In una seconda fase, quindi dopo aver ricevuto la diagnosi di una patologia oculare o aver rilevato un difetto visivo, è possibile rivolgersi a un ottico-optometrista per trovare la soluzione ottica più adatta per le proprie esigenze.

I centri ottici sono ormai presenti capillarmente sul territorio; nei migliori centri ottici si trovano professionisti preparati che possono ri-esaminare il sistema visivo, controllare l’adattamento o effettuare il check-up degli occhiali da vista e da sole, ascoltare le vostre esigenze e, sulla base dello stile di vita, del lavoro, dell’esposizione alla luce, aggiornarvi sulle ultime tecnologie per il benessere visivo.

Il settore dell’ottica oggi contempla soluzioni per tutte le necessità, anche quando sono presenti patologie oculari con compromissione anche grave dell’acuità visiva.

Ricapitolando: è consigliabile mettere da parte le soluzioni fai-da-te e affidarsi a professionisti della visione qualificati, per un controllo di tutta la famiglia e per la scelta delle lenti, specialmente quelle dotate di speciali filtri e lenti fotoselettive che bloccano le radiazioni dannose per la retina, proteggendo il sistema visivo in tutte le condizioni di luce.

#vederebene #mesedellavista #benesserevisivo #prevenzione